Deodorante Bionova Aloe e Iris fiorentina

Image

Pro: Buona efficacia, profumazione a mio parere gradevole, buon prezzo

Contro: Bisogna farlo asciugare qualche minuto primo di rivestirsi perchè è abbastanza liquido; non tutti hanno vicino a casa un Ipercoop (quindi per queste persone la reperibilità non online è un contro).

Prezzo: circa 4 euro

Ho scoperto la Bionova grazie a Youtube e appena ho saputo che non l’avrei trovata online ma bensì all’ipercoop ho iniziato a bramare qualcuno dei suoi prodotti, qualcuno a caso, solo per il gusto di provare questa marca italiana e biologica. Io sono tra le fortunate che hanno un ipercoop nelle vicinanze, ma prima di riuscire ad avere il tempo e l’occasione per tornare sul luogo del delitto (dove avevo già comprato prodotti molto soddisfacenti come quelli della Vivi Verde o qualche olio dei Provenzali) è passato tempo. Poi finalmente il miracolo! Riesco a giungere in questa oasi dei prodotti biologici a prezzo contenuto (adoro infatti la Coop per la sua politica in merito al biologico) e ,in preda al tentativo di portare a casa qualcosa, nella fretta prendo al volo questo deodorante (ma sono riuscita ad avvistare anche il latte detergente che sarà la mia prossima vittima) che per il prezzo contenuto sembrava il candidato ideale per farmi avvicinare a questa marca. Ma arriviamo al sodo prima che questa recensione diventi un racconto delirante sulle mie disavventure nei supermercati (li adoro, ma riesco a passarci solo in fretta e furia e quindi di solito faccio razzia dimenticandomi sempre il prodotto per cui ero venuta). Dunque questo deodorante per certi aspetti mi ricorda quello di Lavera(il roll on della linea Basis Sensitiv), ma per fortuna per molto altri me lo ha fatto dimenticare. Il formato è lo stesso (un roll on da 50 ml) e qualcosa, forse nell’odore me lo ha ricordato. Il Bionova a differenza di quello della Lavera ha però un profumo che sul lungo termine rimane migliore (dura di più e secondo me è più piacevole, ma si sa che le profumazioni sono questioni di gusto personale) e ha una  maggiore efficacia. Con quello della Bionova per almeno 5 ore sarete profumati e di solito anche per più tempo, visto che io lo applico al mattino e dopo una normale giornata universitaria senza eccessive sudate (e io sudo abbastanza già di mio) mi ritrovo ancora un odore accettabile e una sensazione piacevole. Insomma per il prezzo, il buon inci e la profumazione gradevole (secondo me) vale la pena fare un tentativo. L’unico difetto è che un po’ liquido e dopo averlo applicato bisogna aspettare qualche minuto per farlo asciugare o si finisce per spalmarlo solo sui vestiti. Inoltre si tratta pur sempre di un deodorante naturale, quindi la sua efficacia potrebbe diminuire in condizioni climatiche e fisiche estreme o su persone con un’alta sudorazione. il mio giudizio finale comunque è positivo e secondo me questo prodotto merita come voto 8!🙂 a presto!

Balsamo per labbra alla fragola, LAVERA

Pro: Idrata, lascia le labbra rosate e abbastanza lucide e ha una profumazione buonissima
Contro: Non trovando difetti nei balsami per labbra della Lavera (quello della linea basis sensitiv è in assoluto il mio preferito per idratazione e prezzo piccolo e quello solare svolge il suo dovere molto bene), posso solo chiedere a questa marca di inserire tra i suoi prodotti uno stick all’aroma di pompelmo (stile Badger Balm o Labello) per cui io vado matta.
Prezzo: 3-4 euro (dipende da dove lo acquistate)
 
Dopo una lunga assenza torno con una rapida recensione su uno dei prodotti immancabili con questo clima siberiano: il burrocacao!
Non so se anche da voi sia passata (e si sia fermata) la neve, ma penso che un po’ ovunque le temperature siano polari e ci sia il vento gelido . Quindi servono protezioni!!!🙂
Questo stick per le labbra di Lavera penso possa imporsi come l’alternativa eco bio alla Labello (e anche il nome è simile *_* ).  Alzi la mano chi non ha mai provato  i burrocacao della Labello… Nessuno??? Ecco, la risposta è semplice, perchè sono venduti ovunque (ricordo durante una gita scolastica una tappa in una stazione di servizio ungherese sperduta nel nulla, che non aveva alcun tipo di merenda mangiabile, ma che incredibilmente vendeva i Labello perlati alla rosa -.-“). Che poi io i Labello li amavo/odiavo… La loro consistenza scivolosissima e il bisogno di riapplicarli continuamente me li facevano odiare, mentre i loro profumi incredibili (parlo naturalmente di quelli colorati e aromatizzati che avevano profumazioni tropicali derivate da frutti di dubbia provenienza ed esistenza) a volte mi provocavano la nausea e a volte mi mandavano in estasi. Ricordo ancora un memorabile stick al pompelmo rosa dal profumo buonissimo che faceva impazzire anche ex fidanzati e affini (una cosa simile mi è successa recentemente con un burrocacao al mango della Neobio, anche quello validissimo e di cui prima o poi vi parlerò). Chiusa la premessa nostalgica, posso introdurre questo burrocacao che, a differenza dei Labello, riunisce in un solo prodotto un inci ottimo (e quindi davvero idrantante, a differenza della paraffina presente nell’avversario), una profumazione favolosa (che sa di vera fragola e non di chimico) e una leggera colorazione alle labbra (che vi diventeranno rosate, non certo rosso fuoco).
Insomma il burrocacao colorato serve a chi vuole idratare le proprie labbra senza rinunciare a un tocco frivolo (passatemi questo termine per favore, lo studio per gli esami universitari mi rende patetica lo so ^_^ ) e questo prodotto della Lavera svolge egregiamente il suo compito con l’aggiunta di durare anche abbastanza e di essere una buona base per i rossetti o i gloss. Ultimamente quando esco lo uso come sostituto del rossetto, perchè nasconde e cura le continue screpolature che mi ritrovo (e che in certi caso dal make up possono essere evidenziate) e ha quel profumino che mi fa impazzire. Quindi un altro prodotto consigliatissimo, di facile reperibilità sia su internet che nei negozi biologici (dove la Lavera è la marca che si trova sempre). 
Alla prossima…😉

Bjobj-Maschera per capelli all’avena

 

Prodotto: Maschera per capelli ristrutturante all’Avena- Bjobj

Pro: Tutti!!!! Fa rinascere i capelli.. Li nutre, ammorbidisce, districa, ristruttura, profuma e tutto senza appesantirli (se non se ne usano 8 kg!). Da quando la uso ho visto diminuire le doppie punte e la secchezza (sempre delle punte)

Contro: Se proprio devo trovarne uno direi che è il prezzo, abituata ai prodotti da supermercato, può sembrare alto, ma ne vale la pena! Ah e il nome della marca, fatico a pronunciarlo senza storpiarlo! Ma credo che qui la colpa sia dei miei (pochi) neuroni!

Prezzo: Non ricordo precisamente, ma intorno agli 8/9 euro per 150 ml di prodotto.

Consigliato: Consigliatissimo!!!!

Voto: 4,9/5 (la perfezione non esiste, ma questo prodotto ci si avvicina molto!)

Come in tutte le più grandi storie d’amore, ho scoperto questo prodotto per caso, anzi per un errore!!! Cercavo disperatamente un balsamo eco bio che non avesse un prezzo esagerato e fosse facilmente reperibile (e devo dire che dopo una ricerca lunga e difficile ho messo le mani su quello della Tea Natura, ma questa è un’altra storia…). Insomma volevo un balsamo interamente naturale con cui sostituire lo Splend’or e la Maschera all’olio di noci e foglie di pesco (due idoli delle folle semi-ecobio di youtube e internet) ormai terminati. Non volendo fare un ordine su internet ho deciso di andare in un Cuorebio, ma ho commesso un gravissimo errore…mi sono fatta accompagnare da una amica molto particolare. Irene (il nome è naturalmente di fantasia) è la tirchieria fatta persona e vedendo me che intendevo comprare un balsamo da quasi 10 euro, ha cominciato a brontolare e mi ha distratta dalla mia missione. Ed è in quel momento che la mia mano avida di balsami naturali ha preso questa maschera convinta fosse un prodotto da usare dopo lo shampoo. Arrivata a casa tutta contenta scopro con orrore di aver speso quasi 10 euro per un impacco pre-shampoo. Panico!!! Io ero solita farmi da sola gli impacchi con oli e burri vari e avevo sempre visto l’acquisto di quelli già pronti come uno spreco di soldi. Ma ormai il danno era fatto e ho cominciato ad usare la maschera, pensando di aver fatto come al solito la mia.  Invece questa maschera ha portato il miracolo nella triste vita dei miei capelli!!!! Per prima cosa non dover perdere tempo con spignatti per fare l’impacco mi ha permesso di farlo con più costanza e già questo è un toccasana per i capelli e per chi, come me, è sempre di corsa. Secondo punto, basta lasciarlo agire per 10/15 minuti (come dice anche la confezione) per avere dei risultati, ma naturalmente consiglio comunque di tenerlo di più se potete. La consistenza è quella di una cremina leggera, il profumo erboso a me personalmente piace e resiste anche dopo il lavaggio. E i capelli rinascono: la secchezza e le doppi punte sono sotto controllo e i capelli sono morbidissimi senza essere appesantiti. Io la uso solo sulle lunghezze, perchè ho i capelli che tendono a ingrassarsi sulla cute e dopo lo shampoo non uso un balsamo (per evitare di ingrassarli troppo), ma i capelli sono pettinabili e senza nodi. Insomma un prodotto che non posso che consigliarvi, sopratutto se avete i capelli secchi e sfibrati o tendenti al crespo in certe occasioni (come me!). Concludo scrivendovi le sostanze funzionali (che vi riporto grazie al solito copia e incolla dal web), che sono : estratto di avena biologico (nutriente, fortificante), olio di jojoba (emolliente, protettivo), olio di mandorle dolci biologico (lucidante, elasticizzante), olio di macadamia biologico (nutriente, emolliente), pantenolo (vitamina B5 – fortificante), provitamina E (antiossidante).

Alla prossima review!!!🙂

P.S. Una cosa da far notare sulla Bjobj è che oltre ad essere un ditta serissima e certificata AIAB, è anche molto gentile con noi clienti. Nella confezione con questa maschera c’era il campioncino di una crema corpo e anche in quella della crema viso ne ho trovato un altro. Gentilissimi davvero…

Benecos Natural Baked Eyeshadow

Prodotto: Natural Baked Eyeshadow (nei colori Mokka e Melange)

Pro: Sono ombretti cotti abbastanza pigmentati con una durata più che accettabile e due tonalità secondo me meravigliose. Naturalmente la scrivenza e la durata aumentano se li applichiamo con un pennello inumidito.

Contro: Benecos fa confezioni per gli ombretti senza applicatore all’interno e la plastica mi sembra meno solida rispetto a quella dei duo (recensione precedente). L’ombretto poi (soprattutto Mokka) tende a svolazzare un po’ e quindi consiglio di fare la base del viso dopo averli applicati per riuscire ad eliminare tutti i brillantini svolazzanti.

Prezzo: 4,49 euro su Ecco Verde

Consigliato: Sì!

Voto: 4/5

Dopo avervi parlato nella precedente review di un ombretto Benecos che non mi è piaciuto molto, oggi vi recensisco due che invece mi hanno conquistata. Ho comprato questi ombretti sul sito Ecco Verde perchè appena li ho visti me ne sono innamorata. Ho sempre adorato gli ombretti cotti perchè credo che ognuna di noi sia passata attraverso questa moda del cuocere tutti i cosmetici che ogni tanto rispunta tra le varie marche. In principio fu la Pupa con i suoi ombretti Luminys, che vi sconsiglio perchè hanno un inci pessimo che contiene imidazolidinyl urea (un conservante che si pensa rilasci formaldeide e quindi molto pericoloso) e paraffinum liquidum. Poi sono seguite a ruota Kiko, Astra e molte altre marche più prestigiose e meno. Abbandonati quindi i miei ombretti cotti della Pupa ho trovato in questi degli ottimi sostituti, perchè sono pigmentati, hanno colori stupendi e devo dire che come durata e “svolazzamento” (consentitemi l’uso di questo termine improprio) possono essere tranquillamente paragonati ai loro cugini italiani più famosi e adorati dalle ragazzine. Dal sito pensavo che il mio colore preferito tra i due sarebbe stato “Mokka” perchè lo vedevo più pescato e più adatto a tutti i giorni, mentre ho scelto “Melange” perchè devo dire mi ricordava (e questo è vero anche dal vivo) il celebre ombretto “Storm” della Chrimaluxe (sebbene quest’ultimo sia più brillantinato e con riflessi blu/violacei). Quando invece ho aperto il pacco e mi sono trovata davanti “Mokka” devo dire che in realtà è più definibile come un dorato con un sottofondo pesca molto brillantinato (bellissimo, ma forse per qualcuna è poco discreto per essere usato tutti i giorni). “Melange” invece è spettacolare perché a seconda del colore con cui lo si abbina vira di più al grigio o al viola e riesce a rendere interessante anche l’ombretto più smorto. Insomma una recensione positivissima per questi prodotti che mi hanno deluso solo per la confezione un po’ spartana che può sembrare fragilina. Se vi piacciono i cosmetici cotti la Benecos ha in catalogo anche un blush rosato che sembra anche lui molto pigmentato e brillante.


Benecos Natural duo-eyeshadow

Prodotto: Benecos Natural Duo-Eyeshadow nel colore “Clouds”, numero 122

Pro: La confezione non è male e l’illuminante è carino non essendo un colore bianco gesso, ma più simile a un panna.

Contro: Gli ombretti purtroppo non sono molto scriventi, manca un applicatore nella confezione e la durata non è niente di trascendentale.

Prezzo: 3,49 sul sito “Ecco Verde”

Consigliato: No! Voto : 2/5

Eccomi qui con la mia prima review… Ho deciso di parlare di questo ombretto perchè ormai la febbre per Benecos sta dilagando. Tutto cominciò (parlo per me, ma credo che questa storia sia comune a molte di noi) con i video della Signorina Rottermaier (se non la conoscete correte subito al suo canale youtube perchè lei è una sorta di mito per le amanti dell’ecobio) che abitando in Germania può usare prodotti naturali da noi introvabili. Il make up eco bio non è sempre facilmente reperibile e spesso è anche costosetto, quindi tutti abbiamo invidiato la sopracitata signorina per la sua possibilità di avere prodotti dell’Alverde e della Benecos, naturali ed economici. Se l’Alverde rimarrà purtroppo solo un sogno per chi non ha sotto casa un DM (drogherie che si trovano solo in Austria, Germania, Slovenia, Repubblica Ceca) la Benecos è sempre stata per noi povere ragazze italiane più facilmente raggiungibile essendo venduta su internet da siti tedeschi come Ecco Verde o Hautbalance. Io personalmente ho incontrato per la prima volta questa marca grazie al primo sito che fino a poco tempo fa permetteva di fare ordini in Italia con spese di spedizione gratis sotto i 20 euro (ora credo sia aumentato questo limite a 40/50 euro). Adesso invece la Benecos è finalmente arrivata in Italia e possiamo comprarla da Saicosatispalmi e Verdealternativa (da cui li ho acquistati io la seconda volta). Dopo questa immensa premessa posso passare alla recensione vera e propria del prodotto. Si tratta di un duo di ombretti (da 4 g) che comprende un colore bianco panna e un azzurro pastello lievemente perlati (o satinati, dipende dai punti di vista). La Benecos produce anche Jungle (verde, beigiolino), Fruits (rosa, viola) e Noblesse (marrone, rosa), ma io ho scelto Clouds non certo per il nome poetico che rimanda alle nuvole, ma perchè ero convinta che l’azzurro fosse più scuro, tratta in inganno da un video su youtube. Il colore è invece è molto pastello (e io non amo questi colori in quanto mi donano pochissimo) e a dirla tutta il bianco è molto più pigmentanto del suo collega. Sembra una cosa incredibile, ma è proprio così! Mi sento infatti di sconsigliarlo, proprio perchè scrive pochissimo (non sono infatti riuscita a fare uno swatch degno di questo nome). Ho sentito, però, parlare meglio del duo Jungle e credo del Fruits, ma non avendoli provati di persona non posso confermare la loro fama. Per il prezzo comunque molto economico potete dare una chance ai fratellini di questo duo o proprio a quello che vi ho presentato io se amate questo genere di colori.

Un nuovo blog…

So cosa starete pensando…ecco uno dei soliti blog che ora vanno tanto di moda sul biologico, la bellezza naturale etc etc. Presumo voi abbiate ragione, ma credo che l’ecobio sia ancora molto indietro su queste cose rispetto al mondo della bellezza “tradizionale”. Già trovare prodotti buoni (in tutti i sensi, come resa e come ingredienti) è difficile, quindi penso che dividerci questo compito possa essere utile. Perciò consigliamoci, scambiamoci idee e perchè no sfoghiamoci parlando delle cose che ci piacciono, come ad esempio il volerci bene. Bisogna, però, trattare con rispetto non solo la nsotra bellezza, ma anche la natura, ecco perchè ECO BIO… Sembra molto una pubblicità ma devo ammettere che scrivere un post di presentazione è stato più difficile di quanto pensassi. A preso ragazze e scusate per tutto quello che ho scritto!🙂